Blog

Il Blog Di Airsystem.

Garanzia Kizuna

 

http://shop.airsystemimpianti.com/vendita-on-line/ventilconvettori-o-fan-coil-ad-acqua.html

 

Cos’è, il funzionamento e i consumi dei ventilconvettori

Ventilconvettori a basso consumo energetico. Un ventilconvettore (o “fan coil” indicato con la sigla VC o FC) è costituito da un involucro metallico nel quale sono presenti una o due batterie per lo scambio termico tra acqua e aria, un ventilatore, un filtro dell’aria, una vaschetta per la raccolta della condensa; all’esterno presenta i collegamenti con le reti dell’acqua calda e/o refrigerata.

Funzionamento dei ventilconvettori

Il ventilatore prelevano principalmente l’aria dell’ambiente (da scaldare o raffreddare) reperendola da un’apertura posta in basso al terminale. Una volta entrata l’aria viene prima filtrata e poi spinta dal ventilatore verso la batteria di scambio termico. Qui per convezione forzata questa scambia calore con l’acqua.

-    Quando siamo in regime di riscaldamento il calore viene prelevato.
–    In regime di raffreddamento il calore viene ceduto.

Quando l’aria viene raffreddata si effettua anche un processo di deumidificazione, con produzione di liquido di condensa che viene raccolto nella vaschetta installata sul fondo della loggia della batteria.

I ventilconvettori vengono generalmente utilizzati negli impianti di climatizzazione che operano con interazione mista aria/acqua, con lo scopo di controllare la temperatura.
I ventilconvettori possono essere installati come terminale di un normale impianto di riscaldamento domestico tipo a gas tradizionale ( caldaia murale domestica ) oppure al termine di un processo di trattamento aria mediante UTA ( Unità di trattamento aria ).

Nel primo caso il funzionamento dei ventilconvettori è paragonabile a quello di un pannello radiante, dove però la convezione naturale dell’aria è sostituito da un equivalente sistema ad aria forzata dalla ventola.
Nel caso di UTA, il ventilconvettore può anche essere omesso, perché l’unità stessa ne riprende in più larga scala il funzionamento.

I ventilconvettori infine possono essere di diverse tipologie a seconda della modalità di installazione e posizionamento.

 

Acquista on line clicca quì>>http://shop.airsystemimpianti.com/vendita-on-line/ventilconvettori-o-fan-coil-ad-acqua.html

 Un paio di esempi di prodotti in vendita sul ns sito:

 

 

ACQUISTA ON LINE IL TOU VENTILCONVETTORE CLICCANDO QUI'

                ESEMPIO DI PRODOTTO IN VENDITA SUL NS SITO:

                 Ventilconvettore FCZ

              Ventilconvettore FCZ 100 A alto con commutatore(SENZA TERMOSTATO) IN PROMOZIONE

               Prezzo Base con IVA: €  262,42
               Prezzo di vendita con IVA  € 236,18
               Prezzo di vendita IVA esclusa: € 193,59
               Sconto: €  26,24
 
 
 
 
 
Termocovvettore CLIMAFON 12P potenza termica 910 W,nstallazione verticale per uso residenziale.
Scarica catalogo pdf

Prezzo Base con IVA: 185,56 €
Prezzo di vendita: 170,72 €
 
Prezzo di vendita IVA esclusa: 139,93 €
Sconto: -14,84 €
Ammontare IVA: 30,79 €

 

hbi



Eco-bonus 65% prorogato a tutto il 2015

Legge di stabilità 2015: confermata la proroga delle detrazioni 65% per gli interventi di riqualificazione energetica

È ormai riconosciuto a livello globale: puntare sulla green economy è la scelta vincente non solo per salvaguardare l'ecosistema del pianeta, ma anche per il rilancio dell'economia.

Su queste basi, secondo quanto indicato nella Legge di Stabilità 2015, sono confermate fino al 31 dicembre 2015 la detrazione del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici e la detrazione del 50% per le ristrutturazioni. La nuova scadenza vale sia per gli interventi sulle singole abitazioni (che secondo le norme precedenti sarebbero stati agevolati solo fino al 31 dicembre 2014) che per quelli sulle parti comuni dei condomìni (che sarebbero stati agevolati fino al 30 giugno 2015).

Dal 1° gennaio 2016, salvo ulteriori proroghe, le detrazioni si ridurranno al 36% sia per la riqualificazione energetica, sia per gli interventi di ristrutturazione edilizia.

La detrazione del 65% riguarda naturalmente anche gli interventi di sostituzione degli impianti tradizionali con i più efficienti sistemi a Pompa di Calore.

È secondo noi il giusto riconoscimento per la tecnologia della Pompa di Calore, che per il suo particolare funzionamento, utilizza energia rinnovabile.

Grazie all'effetto moltiplicatore del COP (rapporto tra potenza termica erogata e potenza elettrica assorbita) una parte rilevante del calore fornito ai locali e all'acqua sanitaria proviene, infatti, dall'energia verde contenuta nell'aria esterna, nell'acqua di falda o nel terreno.

Una pompa di calore con COP = 4 è, ad esempio, in grado di fornire gratuitamente al nostro comfort ben tre unità energetiche su quattro. Di tutto questo ne beneficia naturalmente anche il nostro pianeta, poiché l'impiego della pompa di calore può portare anche a dimezzare le emissioni di CO₂ rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali.

 

Compra on line su SHOP-AIRSYSTEM clicca quì>> http://www.airsystemimpianti.com/vendita-on-line/refrigeratori-aria-acqua/refrigeratori-pompa-di-calore-aermec

Refrigeratore_ar_50c48b82cf178.jpg

scarica il catalogo

 

Termosifoni, radiatori e caloriferi 

Tre nomi diversi per indicare una stessa cosa!Che siano in ghisa, in acciaio o in alluminio (o nel nuovissimo – come materiale per termosifoni – polipropilene), hanno sempre la stessa funzione: riscaldare gli ambienti.

Il riscaldamento avviene a mezzo acqua calda prodotta da una caldaia, che viene immessa poi nei tubi o in modo “naturale”, ovvero sfruttando le diverse densità dei liquidi e la loro tendenza fisica a muoversi verso il basso o verso l’alto, o attraverso la cosiddetta circolazione “forzata”, ovvero ottenuta a mezzo di una pompa che spinge l’acqua calda nei tubi, facendola arrivare anche a termosifoni posizionati a livello caldaia o più in basso.

Acquista on line clicca quì>> http://www.airsystemimpianti.com/vendita-on-line/termoarredi-scaldasalviette-radiatori

 

Esempio di un prodotto in vendita sul ns sito:

tesi-4
 

TESI 4 750 RADIATORE TUBOLARE 4 COLONNE 18 ELEMENTI H 75 A PARETE, TESI DI IRSAP SUPER OFFERTA

 

Prezzo Base con IVA: 183,00 €

Prezzo di vendita: 168,36 €

Prezzo di vendita IVA esclusa: 138,00 €
Sconto: -14,64 €
Ammontare IVA: 30,36 €

 

 

Nuovi libretti per caldaie e condizionatori.

Dal 1° giugno.Le norme

 

Manutenzione impianti di condizionamento, riscaldamento e elettriciAirsystemimpianti.com ti comunica:

Da domenica 1° giugno cambiano i documenti che certificano l'efficienza tutti gli impianti di climatizzazione invernale e/o estiva installati in luoghi pubblici o privati.

È quanto stabilito dal decreto 10 febbraio 2014 del ministero dello Sviluppo Economico intitolato "Modelli di libretto di impianto per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica di cui al decreto del Presidente della Repubblica n.74/2013".
Le novità in vigore dal 1° giugno sono sostanzialmente due:
•    tutti gli impianti, sia esistenti che di nuova installazione, dovranno essere muniti di un nuovo libretto di impianto;
•    al momento degli interventi di manutenzione e controllo dovrà essere compilato il “Rapporto di efficienza energetica” per gli apparecchi di climatizzazione invernale di potenza utile nominale maggiore di 10KW e di climatizzazione estiva di potenza utile nominale maggiore di 12 KW con o senza produzione di acqua calda sanitaria.Quali sono le caratteristiche del nuovo libretto di impianto?
Il nuovo modello di libretto è unico per tutti gli impianti definiti “termici”, indipendentemente dalla potenza,  dalla  tecnologia utilizzata (anche energia rinnovabile), dal servizio a cui sono destinati (climatizzazione invernale/estiva).
Il nuovo libretto sostituisce i modelli precedentemente esistenti denominati “libretto di impianto” e “libretto di centrale” di cui all’art. 11, comma 9 D.P.R. 412/1993. Il nuovo libretto, infatti, è costituito da un singolo modello, personalizzabile, composto da tante schede assemblate in funzione degli apparecchi e delle componenti dell’impianto.In quali casi sarà necessario compilare più libretti di impianto?
Se un edificio possiede due impianti di climatizzazione separati (uno per la climatizzazione invernale e uno per quella estiva aventi ad esempio in comune solamente il sistema di rilevazione delle temperature), sarà necessaria la compilazione di due distinti libretti di manutenzione.Quali sono gli adempimenti per i nuovi impianti?
Per i nuovi impianti la compilazione del modello dovrà essere effettuata all’atto della prima messa in servizio a cura dell’impresa installatrice, che rilascerà anche il risultato della prima verifica.Quali sono gli adempimenti per gli impianti già esistenti al 1° giugno?
La compilazione del nuovo libretto, che potrà avvenire sia nella modalità cartacea sia nella modalità digitale,  sarà a cura del responsabile dell’impianto, ovvero dall’eventuale terzo responsabile. Il libretto verrà generato dall’installatore assemblando le schede pertinenti alla tipologia di impianto installata.
Se risulteranno necessarie delle integrazioni al libretto alla luce delle differenti legislazioni disposte dalle Regioni e dalle Province autonome, verranno inserite nel libretto delle schede aggiuntive.Quali sono le sanzioni in caso di inadempimento?
In caso di inadempimento, si applicheranno le sanzioni previste dal D.Lgs. n. 192/2005 in aggiunta alle eventuali disposizioni previste dalla disciplina normativa.Come cambia il Rapporto di controllo di efficienza energetica?
Sempre dal 1° giugno, il “Rapporto di controllo di efficienza energetica” deve essere conforme ai modelli allegati al decreto citato, che non saranno più divisi per potenza nominale, ma per tipologia di generatore:
•    gruppi termici: rapporto di controllo di tipo 1;
•    gruppi frigo: rapporto di controllo di tipo 2;
•    scambiatori: rapporto di controllo di tipo 3;
•    cogeneratori: rapporto di controllo di tipo 4.


Tali rapporti  hanno lo scopo di certificare che i controlli effettuati siano conformi a quanto previsto dalle norme "Uni" o rientranti nei limiti indicati dal DPR. n.74/2013. I rapporti andranno compilati al momento dell’effettuazione degli interventi di controllo e manutenzione degli impianti sopra indicati, così come previsto dal DPR n.74/2013.
Anche per questa tipologia di adempimento si prevede che, se un impianto è composto da più generatori, dovranno essere redatte tante pagine quanti sono i generatori; così come, in caso di gruppi termici modulari, andranno redatte tante schede quante sono le analisi dei fumi previste dal libretto.
Il Rapporto di controllo di efficienza energetica non dovrà essere compilato per gli impianti termici alimentati esclusivamente da fonti di energia rinnovabile; rimane comunque obbligatoria la compilazione del libretto.

 

vai nel ns Link delle manutenzioni clicca quì>>http://www.airsystemimpianti.com/manutenzione-ordinaria-e-straordinaria.html

Rotex HPU Hybrid Sistema ibrido con pompa di calore e caldaia a condensazione che cosa è? 

   

vai direttamente al link clicca quì >>http://www.airsystemimpianti.com/condizionatori-residenziali.

Daikin presenta Rotex HPU Hybrid,

Rotex HPU Hybrid è costituito dall’unità esterna della pompa di calore e da una unità interna che abbina in un unico elemento la caldaia a condensazione a gas e l’unità di scambio acqua/refrigerante

Caratteristiche del prodotto. Rotex HPU Hybrid è costituito dall’unità esterna della pompa di calore, disponibile nelle due taglie da 5 kW e 8 kW, e da una unità interna che abbina in un unico elemento dal design compatto la caldaia a condensazione a gas (metano o gpl) da 33 kW e l’unità di scambio acqua/refrigerante. Quest’ultima è disponibile anche in versione reversibile e consente non solo di riscaldare ma anche di raffrescare casa. L’unità interna, da collegare alla pompa di calore esterna tramite due tubazioni come fosse un climatizzatore monosplit, ha le dimensioni di una classica caldaia murale a gas e integra al suo interno anche un sistema elettronico di gestione altamente innovativo.

Tre modalità di funzionamento. Rotex HPU Hybrid può funzionare in tre diverse modalità: sola caldaia, sola pompa di calore o entrambe contemporaneamente. Questa terza opzione rappresenta il vero carattere ibrido del sistema: l'acqua viene preriscaldata dalla pompa di calore e immessa poi in caldaia per effettuare solamente il restante salto termico. Rotex HPU Hybrid può minimizzare il consumo di energia primaria e le emissioni di CO2, ma può essere anche impostata per massimizzare il risparmio in bolletta. Impostando il costo al kWh di energia elettrica e il costo al m3 del gas, il sistema sceglie infatti in automatico la modalità di funzionamento più conveniente, in base alla temperatura interna richiesta e alle temperature esterna e interna rilevate.60% dell'energia da pompa di calore. Con Rotex HPU Hybrid il comfort ambiente durante la stagione invernale viene garantito, secondo quanto stimato dall'azienda, con una efficienza superiore del 35% rispetto a una caldaia a condensazione tradizionale: più del 60% dell'energia totale necessaria per il riscaldamento degli ambienti è fornito dalla pompa di calore, riducendo così al minimo il consumo di gas della caldaia.Due circuiti separati. La produzione istantanea di acqua calda sanitaria è inoltre il 20% più efficiente. Ciò è dovuto alla caldaia a condensazione a doppio circuito che consente di condensare i fumi, recuperando calore, non solo durante il riscaldamento degli ambienti, come avviene con le caldaie a condensazione tradizionali, ma anche durante la produzione di acqua calda sanitaria. Avendo due circuiti separati, quando la pompa di calore è attiva in riscaldamento, la caldaia può inoltre produrre in contemporanea l’acqua calda sanitaria con il risultato di un maggiore comfort.

 

Il loro funzionamento è simile a quello delle classiche stufe a legna, ma inquinano molto meno. Nonostante i prezzi in aumento, il pellet consente ancora di risparmiare rispetto ai sistemi tradizionali.

PERCHÉ SCEGLIERE UNA STUFA A PELLET?

I combustibili per le stufe (ma anche per i barbecue e i caminetti) possono essere di natura liquida o solida. Solitamente, per il primo caso, i sistemi vengono alimentati autonomamente, poiché la composizione del carburante, consente un alloggiamento diretto, regolare e regolarizzato. Per i combustibili solidi, invece, ciò non è possibile, per cui la loro erogazione avviene manualmente. Nel caso specifico di una stufa a legna, quest'ultima viene aggiunta da parte del possessore, ogni qualvolta il sistema si trova in deficit.

I combustibili solidi, come nel caso della legna, impiegano meno dell'80% del loro rendimento e ciò è dovuto dal fatto che essi rimangono in contatto con l'aria comburente solamente per una parte, mentre l'altra rimane al di fuori, determinando uno spreco di aria inutile.

Il combustibile ideale per le stufe a legna consiste in un formato limitato, in grado di facilitare l'accensione e le procedure di riscaldamento; la dimensione della legna, seppur ridotta, tuttavia, non deve superare un certo limite, nel caso ad esempio della segatura, poiché ciò determinerebbe l'occlusione dei bruciatori, oltre che a richiedere una quantità superiore di legna sminuzzata.

Come si installano, quanto costano e tutto quello che c'è da sapere sulle stufe a pellet, chiamaci allo 0117734150 oppure invia una mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Stufe Nordica Extraflame: grandi prestazioni e bassissimi consumi, sicurezza e design italiano, certificazione CE. 

compra online clicca quì>>> http://www.airsystemimpianti.com/vendita-on-line/vendita-stufe-a-pellet-offerte-online

 

CLICCA QUI PER ACQUISTARE ONLINE

vendita on line Termoarredi, scadasalviette e radiatori-termoarredo e scaldasalviette sono la stessa cosa?

Il termoarredo e un radiatore di design ha le stesse funzioni del classico radiatore tubolare ma è molto più bello e fa da arredo, lo sacldasalviette è sempre un radiatore ma adatto a locali bagno cosi detti "scaldasalviette" proprio preche in bagno vengono utili ad asciugare le salviette o asciugameni, visita il ns sito di vendita on line  troverai una vasta gamma sia di radiatori, termoarredi e scaldasalviette.

Cosa sono gli scaldasalviette

Gli scaldasalviette  appartengono al gruppo dei termosifoni (o radiatori o caloriferi) ma hanno il valore aggiunto dell’essersi trasformati in veri e propri elementi di arredo, occupando meno spazio rispetto ai termosifoni tradizionali e offrendo invece impieghi accessori.

Si tratta infatti di radiatori  – o termosifoni che dir si voglia – appositamente studiati per i bagni o per le cucine e in particolare per consentire l’asciugatura di asciugamani, salviette o teli posti su di essi. Sono quasi sempre verniciati con particolari vernici epossidiche che ne garantiscono la resistenza contro la corrosione e gli agenti chimici, perciò sono perfetti per ambienti umidi e per sostenere e favorire l’asciugatura di teli e asciugamani umidi.

 

Acquista on line clicca quì>> http://www.airsystemimpianti.com/vendita-on-line/termoarredi-scaldasalviette-radiatori

 

   Esempio di un articolo in vendita sul ns sito:

RADIATORE_DA_BAG_50705cd8be937.jpg
 

RADIATORE DA BAGNO TERMOARREDO ARES 818X43 IRSAP

 

 

Prezzo di vendita: 59,78 €

Prezzo di vendita IVA esclusa: 49,00 €

Ammontare IVA: 10,78 €
 
 

Termosifoni, radiatori e caloriferi 

Tre nomi diversi per indicare una stessa cosa!Che siano in ghisa, in acciaio o in alluminio (o nel nuovissimo – come materiale per termosifoni – polipropilene), hanno sempre la stessa funzione: riscaldare gli ambienti.

Il riscaldamento avviene a mezzo acqua calda prodotta da una caldaia, che viene immessa poi nei tubi o in modo “naturale”, ovvero sfruttando le diverse densità dei liquidi e la loro tendenza fisica a muoversi verso il basso o verso l’alto, o attraverso la cosiddetta circolazione “forzata”, ovvero ottenuta a mezzo di una pompa che spinge l’acqua calda nei tubi, facendola arrivare anche a termosifoni posizionati a livello caldaia o più in basso.

Acquista on line clicca quì>> http://www.airsystemimpianti.com/vendita-on-line/termoarredi-scaldasalviette-radiatori

 

Per i condomini con impianti di riscaldamento centralizzato le nuove leggi indicano che ogni appartamento dovrà essere dotato di un ripartitore per la rilevazione dei consumi, per cui non si pagherà più in funzione dei millesimi ma del singolo consumo effettivo. L'adeguamento è previsto entro il 2014.

A questo proposito stanno nascendo dei sistemi wireless costituiti da ripartitore, termostato e valvola termostatizzabile, in grado di regolare la temperatura e di leggere i consumi per poi trasmetterli ad un rilevatore o un PC tramite il quale l'amministratore può ripartire i consumi.

 

Acquista on line clicca sull'immagine oppure quì >> http://www.airsystemimpianti.com/vendita-on-line/termoarredi-scaldasalviette-radiatori

 

tesi-48
Esempio di un articolo sul ns sito:

TESI 4 750 RADIATORE TUBOLARE 4 COLONNE 21 ELEMENTI H 75 A PARETE, TESI DI IRSAP SUPER OFFERTA

 

Prezzo Base con IVA: 219,60 €

Prezzo di vendita: 206,42 €

Prezzo di vendita IVA esclusa: 169,20 €
Sconto: -13,18 €
Ammontare IVA: 37,22 €

Il ventilconvettore è un'unità a "tutto ricircolo" di aria. L'aria ambiente viene prelevata dal ventilatore, passa attraverso il filtro dove si libera delle polveri grosse, viene spinta verso la batteria di scambio termico dove per convezione forzata scambia calore con l'acqua e poi viene espulsa. In caso di riscaldamento il calore viene prelevato, in caso di raffreddamento viene ceduto.Costituiti da un ventilatore, da un elemento di scambio di calore e da un filtro, i ventilconvettori sono macchine ideali per la climatizzazione estiva ed il riscaldamento invernale della casa e di qualsiasi locale. Alimentati con acqua refrigerata proveniente da un refrigeratore rendono l'aria del locale fresca, asciutta e pulita in brevissimo tempo e con grande efficienza energetica; alimentati con acqua calda proveniente da una pompa di calore o da una comunissima caldaia forniscono il caldo pulito ed economico durante la stagione invernale 

 

Acquista on line clicca quì>> http://www.airsystemimpianti.com/vendita-on-line/ventilconvettori-ad-acqua

 

 

Ventilconvettore_4f89859ee4919.jpg
 

Ventilconvettore FCX 17A alto con commutatore(SENZA TERMOSTATO) IN PROMOZIONE FINO AL 31/03/2015

 

Prezzo Base con IVA: 231,75 €
Prezzo di vendita: 213,21 €
 
Prezzo di vendita IVA esclusa: 174,76 €
Sconto: -18,54 €
Ammontare IVA: 38,45 €

 

I ventiloconvettori o fancoil, sono uno strumento utilizzato per il riscaldamento ed il raffrescamento degli ambienti attraverso un impianto misto acqua/aria.  Nei ventilconvettori o fancoil transita acqua refrigerata da un refrigeratore o riscaldata da una caldaia o da una pompa di calore, a seconda della stagione. L'aria ambiente transita attraverso la batteria di scambio termico alettata dove si raffredda o si riscalda, ed reimmessa in ambiente.   I ventilconvettori contribuiscono anche alla deumidificazione degli ambienti durante la stagione estiva attraverso la betteria di scambio termico fredda, deposita parte dell'umidità che condensa in gocce di acqua che vengono poi raccolte nell'apposita vaschetta di raccolta.
Aermec è la marca sicuramente più conosciuta e diffusa in Italia che noi abbiamo scelto di trattare per la loro alta qualità, affidabilità e silenziosità.

  Acquista on line clicca quì>>> http://www.airsystemimpianti.com/vendita-on-line/ventilconvettori-ad-acqua

 

Esempio di un prodotto in vendita sul ns sito:

 

 

Ventilconvettore FCX 17A alto con commutatore(SENZA TERMOSTATO) IN PROMOZIONE FINO AL 31/03/2015

 

Prezzo Base con IVA: 231,75 €
Prezzo di vendita: 213,21 €
 
 
Prezzo di vendita IVA esclusa: 174,76 €
Sconto: -18,54 €
Ammontare IVA: 38,45 €

 

 

Sia che si tratti di singole abitazioni che di uffici ed esercizi commerciali, si può usufruire delle agevolazioni al 50% e al 65% per la sostituzione degli impianti di climatizzazione

L’efficienza paga. Numerosi sono gli incentivi per chi decide di riqualificare la propria abitazione o esercizio commerciale, con benefici non solo per il proprio portafoglio grazie ai tagli in bolletta, ma anche alla salute dell’ambiente. Tra gli ecobonus più richiesti ci sono di sicuro le detrazioni per i condizionatori. Dopo aver visto come funziona per i termosifoni, ecco cosa fare per chi voglia sostituire gli impianti di climatizzazione. 
IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO
In particolare, come sottolinea l’Agenzia delle Entrate, sono ammesse alla detrazione Irpef del 50% tutte le opere finalizzate al risparmio energetico, anche in assenza di interventi edilizi. L’agevolazione vale solo per impianti di condizionamento ad alta efficienza e acquistati per immobili sottoposti a ristrutturazione. È necessario che per essere detraibile l’impianto sia utilizzabile anche per il riscaldamento durante la stagione invernale, ad integrazione dell’impianto di riscaldamento esistente. I condizionatori rientrano così nella categoria dei grandi elettrodomestici, di cui fanno parte, a titolo esemplificativo, “frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento”. 
TOTALE DEL BONUS
Per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione, la detrazione spetta fino a un valore massimo di 30.000 euro. La stessa cifra è prevista anche per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia. 
POMPE DI CALORE
Usufruisce, invece, della detrazione del 65% la sostituzione integrale o parziale degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di pompe di calore, a condizione che l’intervento non costituisca l’integrazione di uno già esistente. In altre parole, può farsi rimborsare il 65% della spesa sostenuta soltanto chi cambia totalmente il metodo di riscaldamento dell’immobile, eliminando termosifoni e vecchie caldaie a gas. Nel caso in cui in un edificio ci sia un impianto a pompa di calore che venga sostituito con altri più efficienti, è possibile richiedere la detrazione fiscale.

Compra on line clicca quì>>> http://www.airsystemimpianti.com/vendita-on-line/climatizzatori-e-condizionatori-torino?categorylayout=0

Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina cookies. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina acconsenti all uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information